venerdì 14 settembre 2012

Recensione: Cinquanta sfumature di grigio, di E.L.James

Visto che sono una persona curiosa non ho resistito e mi sono messa a leggere il libro più chiacchierato dell'anno. Già, ho letto Cinquanta Sfumature di Grigio di E.L. James. Chi non lo conosce ormai. Che tristezza. 
La trilogia ha scalato le classifiche negli USA (ma anche in Italia) e ha fatto impazzire lettrici di tutto il mondo. Ma cosa avrà mai di così speciale questo libro? Bella domanda. Non lo capivo prima di leggere il "romanzo" (metto le virgolette perché dire che questo è un romanzo è un insulto bello grande) e ora faccio ancora più fatica a comprendere.

Care signore/ine (rivolto a quelle che hanno apprezzato il romanzo) mi spiegate gentilmente cosa di questo romanzo vi è piaciuto? Perché? E soprattutto: come? Come può una schifezza come questa piacere cosi tanto? Come? Io non riesco a capirlo, seriamente. 

Autore: E.L. James
Titolo: Cinquanta sfumature di grigio
Titolo originale: Fifty Shades of Gray
Editore: Mondadori
Collana: Omnibus
Pagine: 548
Prezzo: 14,90 €
Trilogia: Cinquanta sfumature #1

Trama: Quando Anastasia Steele, graziosa e ingenua studentessa americana di ventun anni incontra Christian Grey, giovane imprenditore miliardario, si accorge di essere attratta irresistibilmente da quest'uomo bellissimo e misterioso. Convinta però che il loro incontro non avrà mai un futuro, prova in tutti i modi a smettere di pensarci, fino al giorno in cui Grey non compare improvvisamente nel negozio dove lei lavora e la invita a uscire con lui. Anastasia capisce di volere quest'uomo a tutti i costi. Anche lui è incapace di resisterle e deve ammettere con se stesso di desiderarla, ma alle sue condizioni. Travolta dalla passione, presto Anastasia scoprirà che Grey è un uomo tormentato dai suoi demoni e consumato dall'ossessivo bisogno di controllo, ma soprattutto ha gusti erotici decisamente singolari e predilige pratiche sessuali insospettabili... Nello scoprire l'animo enigmatico di Grey, Ana conoscerà per la prima volta i suoi più segreti desideri. Tensione erotica travolgente, sensazioni forti, ma anche amore romantico, sono gli ingredienti che E. L. James ha saputo amalgamare osando scoprire il lato oscuro della passione, senza porsi alcun tabù.

RECENSIONE

Cinquanta sfumature di grigio nasce come la Fan Fiction di Twiligh, non a caso i personaggi sono molto simili a Bella ed Edward. Ora, non esageriamo. Bella e Edward erano sopportabili cosa che Ana e Christian non sono assolutamente.
Lei, Anastasia Steele, è una ragazza di ventun'anni che vive con l'amica Kate. Entrambe stanno per laurearsi e, naturalmente, Ana avrà il massimo dei voti. E' molto goffa e impacciata. Ok non diciamo cazzate: è un'impedita patentata che non riesce a fare tre passi senza cadere con la faccia per terra, cosa che fa durante il primo incontro con Christian. E' vergine, non esce con nessuno e arrossisce ogni volta che un uomo la guarda.
Lui, Christian Gray, ricco fino alla nausea, possiede un'azienda - o qualcosa del genere - e ha al suo servizio 40000 persone. Ha ventisette anni ed è un Dominatore. E' un personaggio assai inverosimile e irritante! Voglio dire, voi avete mai conosciuto uno che a 27 anni ha un impero che si è costruito da solo? Per favore! 
E' un maniaco del controllo e uno stalker possessivo (uno di quello che dici: io gli sto alla larga. Ovviamente "l'intelligenza" della Steele no ci arriva a questa conclusione).



Kate, l'amica di Ana, sta scrivendo un articolo per il giornale e deve intervistare Christian proprio perché l'articolo parla di lui. Poiché si ammala, manda Ana, persona meno adatta a fare un'intervista, ad incontrarlo. Dopo il loro primo incontro, Christian rimane affascinato e cerca di avvicinarsi a lei. Lei, ovviamente, non fa altro che pensare a lui dal momento che esce dal suo ufficio. Dopo alcuni incontri casuali e non, Christian fa una proposta assai particolare ad Ana.
Come ho detto, lui è un Dominatore ed è in cerca di una Sottomessa. Ana sembra perfetta e Christian le propone un contratto. In parole semplici e povere il contratto dice: "io di te faccio quello che voglio. Tu obbedisci e non hai diritto a una parola. Io mi diverto con te come mi pare e se non fai come dico io avrai il fondoschiena tanto dolete da non poterti sedere. Ah, ci divertiamo nella mia Stanza rossa del Piacere/Torture, dotata di frustini e robe varie sadomaso." Ana non firma il contratto perché vuole discutere su alcune cose però è come se lo facesse. I due cominciano così la loro relazione basata sul sesso e ogni due capitoli lo fanno. Sesso. Sesso. Sesso. Qualche pratica sadomaso inserita qua e là, ma ci limitiamo a questo. Lei, da ragazzina innocente, si trasforma nella dea del sesso mentre lui come sempre è in perenne eccitazione e lo farebbe ovunque.

Tolta la trama insignificante, che fa vomitar l'anima, a questo libro non rimane niente. Né personaggi interessanti, né stile buono. Niente. Nada. Nothing!
Christian è bello, bello, bello e bello. L'autrice non fa che ripeterlo ogni singola pagina. Il dizionario dei sinonimi e contrari non esiste per lei. E in generale il suo lessico è triste da paura.
Non capisco come possa piacere un personaggio come Christian. Christian è molto lunatico (ok lo sono anche io ma lui da matti) e non si capisce mai cosa abbia in mente. E' uno stalker di prima categoria. Da ordini in continuo. Ogni volta che lui diceva qualcosa c'era scritto "ordina" e la cosa mi mandava fuori di testa. Si crede il padrone del mondo ed è arrogante da far schifo. Io capisco il personaggio un po' pericoloso e possessivi ma questo no. E' da manicomio.
Lei è una ragazza stupida (nonostante si sia laureata con il massimo di voti) ed è un insulto al sesso femminile. E' un personaggio offensivo e se qualcuno viene a dirmi che si identifica con lei allora dico che questo qualcuno è fuori di testa, ma di brutto. Senza offesa eh.
Stranamente conosce la differenza fra un cacciavite e un martello ma quando si tratta di capire se una persona è sana di mente o meno non è in grado di spremersi le meningi. Christian è un maniaco e se me lo dovessi trovare davanti scapperei. Lei non lo fa. Lei vuole aiutarlo!
Ci stiamo avvicinando alla fine del ponte, la strada è di nuovo illuminata dai lampioni e il suo viso passa a intermittenza dall’ombra alla luce. È una metafora così calzante. Quest’uomo all’inizio mi sembrava un eroe romantico, un ardito cavaliere bianco dall’armatura scintillante, o un cavaliere nero, come dice lui. Invece non è un eroe; è un uomo con gravi, profonde lacune emotive, e mi sta trascinando nel buio. Non potrei, invece, essere io a guidare lui verso la luce?
Lui è ricco e può fare quello che gli pare. Il bello è che non lo si vede mai lavorare. Alcune volte parla al telefono ma questo è tutto, e durante la riunione manda e-mail piccati ad Ana. E' irritante e si ha voglia di prenderlo a pugni. Non fa altro che stressare quelli che gli stanno intorno.
Io capisco che ha avuto l'infanzia difficile e tutte queste cavolate varie che lo fanno sembrare povero cagnolino abbandonato, ma certe cose sono troppe e chiunque con un briciolo di cervello non le regge. Le sue frasi sono sempre le stesse, un po' come un disco che si inceppa.

"Anastasia perché non hai la giacca? Non voglio che ti ammali." Andiamo!! Deve fare tre passi dalla macchina alla porta d'ingresso della casa, non muore mica
"Anastasia hai mangiato. Devi mangiare. Mangia. Mangia!" In tutto ha ripetuto queste frasi più di venti volte. Io alla seconda lo mandavo a quel paese. 
Le compra libri da 15000 dollari. Vestiti nuovi. Macchina nuova. Cellulare nuovo. Computer nuovo. E perché? Perché lui permetterselo, per dirla a parole sue. Le risposte normali non esistono. Lui può fare tutto quindi lo fa e basta. L'ho già detto che è arrogante?
Vorrei sapere quanto hanno pagato alla James per scrivere 26 volte BlackBerry, 13 volte Audi e 13 volte Mac (che tra l'altro quella - Ana - chiama macchina infernale. E' un computer, dannazione, non una macchina infernale!!!!). 
Lei è timida e arrossisce sempre. Basta guardarla e diventa rossa come un peperone. Fai caso che l'autrice ha scritto 58 volte arrossisco, 6 divento rossa e 2 divento di tutti i colori. 
Il suo subconscio non ha capito un accidente della vita e una volta dice una cosa tre pagine dopo un'altra.
Vi riporto una fantastica frase che mi ha fatto alzare gli occhi al cielo (che però non vi conviene fare in presenza di Christian altrimenti vi picchia. Sì, lo fa veramente.)
Un tremito mi percorre il corpo. “Sono nuda, e sto facendo il bagno con Christian Grey, nudo anche lui.”
Certo cara Ana, perché noi ci facciamo il bagno con i vestiti no. Vabbé.

Lei ha una dea interiore che non so cosa diamine rappresenti però è molto brava a fare salti mortali e capriole all'indietro (altro che le ginnaste russe), brilla (suppongo meglio di Edward Cullen), balla il merengue, inframmezzato da qualche passo di salsa, e la samba, fa la danza dei sette veli e saltella sempre di qua e di là battendo le mani. Non ho commenti a riguardo!
Lei come una ragazzina di dodici anni si fa i codini. Vorrebbe sempre sapere cosa pensa lui, visto che lui è muto come il pesce e non dice mai un bel niente. Ma quando parla (rare ma preziose volte) la sua voce è "roca e calda come cioccolato nero fuso al caramello… o qualcosa del genere", per citare l'autrice.

Oltre a sottoporre lettori a tutti questi supplizi, c'è un'altra cosa che non è assolutamente accettabile. Lo stile di questa pseudo scrittrice. Osceno, vergognoso, a livello elementare. Lei scrive malissimo (donna trovati un altro passatempo e lascia scrivere coloro che lo sanno fare) e ripete le stesse identiche cose milioni di volte.
Un capitolo intero è dedicato al contratto e tutto quello che comprende (che mi ha altamente rotto le balle). Quelle robe vendono riscritte almeno cinque volte nel corso del libro, le ripete fino alla nausea. Saltavo righe e paragrafi per finirlo in fretta. 600 pagine (o quasi) di agonia. Poveri tutti coloro che hanno fatto grande la letteratura, si staranno rivoltando nelle tombe vedendo questo scempio. E poveri tutti quegli alberi abbattuti per stampare miliardi di copie di questa trilogia. 
E come se non bastasse tutto ciò, c'è chi vuole fare anche un film basato sulla trilogia (uccidetemi vi prego), l'autrice riscrive la trilogia dal punto di vista di Christian (no eh, questo no!!!), è uscito o dovrebbe uscire un CD o qualcosa di simile che contiene la colonna sonora personale della James. Ci sono anche dei gadget legati alla serie ma volutamente ignoro il più possibile tutto quello che ha a che fare con Cinquanta sfumature. 

In conclusione vi dico di non leggere questa schifezza. Dire che si tratta di un libro brutto è un eufemismo. Ricapitolando tutto possiamo dire che la protagonista è la donna più stupida che la letteratura abbia mai visto. Lui è da prendere a mazzate, tanto e forte. La storia fa pena. Il lessico è andato in vacanza. Il dizionario dei sinonimi e contrari si è dato fuoco. Mentre quella cosa che si chiama "scrivere bene" si è data alla macchia...
Consiglio per voi lettori: evitate questo libro! Andate in biblioteca e prendetevi qualche buon libro!
Consiglio per la James: trovati un altro lavoro, questo lo stai facendo male, malissimo.
Consiglio per la casa editrice: sì.. ecco... qui non mi esprimo che è meglio.

9 commenti:

  1. Mi fido di te Angel e non mi sfiora l'idea di leggerlo :D Illuminante e Sincera come sempre...;)

    RispondiElimina
  2. ahahah! non ho mai riso cosi' tanto con una recensione! ^^ ho letto varie recensioni tanto contrastanti che alla fine lo leggerò pure io per farmene un'idea. ho capito che in questo libro non ci sono sfumature tra lo stupendo e l'orrendo. o piace o no. vedremo a me che effetto fa! cmq tornando alla tua recensione è davvero stupenda! mi sono divertita e sopratutto conterò pure io quante volte ripete le medesime parole! grande angel!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille cara ^_^ Guarda le ripetizioni sono così evidenti che già a pagina 10 ne trovi tante lol
      Poi fammi sapere cosa ne pensi, sono curiosa!!

      Elimina
  3. Il problema di questa saga è che il passaparola ha fatto un capolavoro! Chi voleva, e chi no.. alla fine si è ritrovato tra le mani queste pagine. Io ho resistito per ora, e sono perfettamente cosciente che nonostante le pessime recensioni, prima o poi lo leggerò. Ed è proprio qui che casca l'asino, tutti ci caschiamo.
    Dopo tutto il "successo" è normale che ci facciano il film, cercano di acchiappare chi è sfuggito ai libri ingolosendo chi invece li ha letti, magari illudendoli di una sceneggiatura migliore!
    Se è davvero scritto così male, mi spiace per tutti gli autori affermati, emergenti o che sognano di essere pubblicati. Perchè questo è un torto colossale.

    Ho comunque adorato la tua recensione :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con quello che dici. In effetti io l'ho letto perché ero curiosa e lo hanno fatto molto, e molti lo faranno. Quando un libro ottiene un così grande successo e critica contrastante e normale esserne curiosi. Io lo sconsiglio però sono la prima che in seguito alle recensioni negative e andata a leggerlo :))
      Fa ridere, ecco.
      Dispiace anche a me per autori che magari hanno molto potenziale e non riescono a farsi notare. Certe cose nel mondo editoriale sono così, funzionano al contrario.

      Elimina
  4. Ahahahah!!ma tu sei fantastica!!stavo ridendo come una scema leggendo la tua recensione!!
    quando ho visto l'anteprima, che diceva che era nata come una specie di fan-fiction di Twilight non ho neanche finito di leggere la trama!!
    poi ho incominciato a vedere questi libri da tutte le parti, che poi sono stati pubblicati gli altri due in tempo record!!
    non ho mai visto un libro pubblicato anche in tv, addirittura ne parlava il telegiornale!!
    boh!Ma chi la mette la faccia in tv, di parlare di questo libro??boh!
    io non ho letto questi 3 libri!! e non credo di farlo tanto presto!!
    la mia curiosità, era dovuta non tanto al libro o alla storia, per sapere cos'ha questo libro per avere tutta questa pubblicità!!io non capisco ci sono milioni di libri e di autori/autrici che meritano di avere più pubblicità!!mah!!

    RispondiElimina
  5. ahahahahahah!! xDxD devo smettere di ridere sennò non riesco a scrivere!!! xDxD
    (5 minuti dopo)
    fantastica!! :D io ho letto la trilogia mentre ero in vacanza al mare.. quindi come lettura leggera non mi è dispiaciuta.. certo c'è di meglio in giro.. ;) resto comunque impressionata dal fatto che questi libri siano ancora in cima alle classifiche... :/ bastaaa.. leggete altro!! xD

    RispondiElimina
  6. Ed è per questo che ringrazio l'esistenza di Internet e degli ebook gratuiti e illegali. La James non vedrà un mio centesimo, mai nella sua vita. Mai.

    RispondiElimina
  7. se ti soffermi sulla parte erotica mi sembra ovvio che non capisci il senso della storia...soffermati sulla parte sentimentale come ho fatto io,è arrivato alle classifiche perché c'è gente che si sofferma solo quella parte erotica..i libri si devono capire come si deve fare con questo libro sennò mi sembra ovvio che ti faccia schifo

    RispondiElimina