mercoledì 1 agosto 2012

Recensione: Passione eterna, di Larissa Ione

Cari lettori, parliamo di nuovo di Larissa Ione. Ormai siete a conoscenza del mio amore per la serie Demonica e oggi parliamo del terzo volume uscito a gennaio di quest'anno. Per chi si fosse perso i volumi precedenti consiglio di fare un salto QUI e QUI per leggere rispettivamente le recensioni di Brivido eterno e Desiderio eterno, primi due romanzi della serie. Mentre QUI trovate la recensione del primo volume della serie I cavalieri della libertà. 
La serie Demonica ha come protagonisti demoni, creature infernali, crudeli e spietate. Guerrieri in lotta per la sopravvivenza del loro mondo. I protagonisti dei primi tre libri sono Eidolon, Shade e Wraith. La storia di Eidolon è raccontata nel primo libro e, in poche parole, il romanzo introduce al mondo dei demoni di Larissa Ione e narra la storia d'amore di Eidolon e Tayla. 
Nel secondo libro vediamo come protagonista Shade, fratello maledetto, e la sua storia con Runa. 
Entrambi i libri mi erano piaicuti e non vedevo l'ora di leggere anche il terzo che parla del fratello più problematico, Wraith. I tre fratelli erano comparsi nel primo libro e sicuramente ci si affeziona a loro motlo velocemente. 

Autore: Larissa Ione
Titolo: Passione eterna
Titolo originale: Passion Unleashed
Editore: Leggereditore
Pagine: 384
Prezzo: 10.00 €
Serie: Demonica #3

Trama: Serena Kelley è un'archeologa di fama internazionale, ma è anche una donna dai molti segreti. Da bambina le è stata concessa l'immortalità, a patto che rimanesse vergine. Serena, però, non è immune al fascino maschile e quando incontra il demone Wraith, sa che non potrà sfuggire al suo sguardo tanto affascinante quanto pericoloso. Sarà lui a strapparle un dono così prezioso? Wraith è un demone implacabile e letale. Ma quando uno dei suoi nemici lo avvelena, dovrà convincere Serena a offrirgli l'unico antidoto in grado di mantenerlo in vita, e così la donna che dovrebbe annientare diventerà l'unica sua speranza. E mentre il loro mondo vacilla irrimediabilmente, i due non potranno che perdersi fra le ombre della seduzione.

RECENSIONE

Passione eterna ha come protagonista il fratello tormentato Wraith. Wraith è un personaggio difficile e complicato che non ama seguire le regole, anzi, fa di tutto per infrangerle. Mentre i suoi fratelli vivono felicemente "sposati" con le loro rispettive compagne, Wraith passa il suo tempo uccidendo i vampiri. Nonostante sia un mezzo vampiro, Wraith non ha molta simpatia per questa specie.
Durante una delle sue uscite notturne alla caccia dei "cattivi", il bel demone viene aggredito e, apparentemente, sconfitto in uno scontro. In seguito, però, scopriremo che Wraith è stato avvelenato e che la sua vita ha i giorni contati.
La protagonista femminile è una giovane archeologa di nome Serena Kelley. Serena ha il compito di proteggere un grandissimo segreto, dal quale più dipendere anche la fine del mondo, e per farlo le è stata concessa l'immortalità. Ogni cosa ha un suo prezzo, però. Quello di Serena è di non perdere la verginità.



Le vite dei due si incrociano quando Wraith scopre che l'unico antidoto che può salvarlo è sottrarre la verginità alla Sentinella Rivelata, ovvero Serena. Certo, sorgono alcune complicazione poiché Wraith ha deciso da molto di non fare sesso con le umane, tanto meno umani vergini.
Serena, intanto, viene mandata in Egitto a cercare alcuni manufatti e a darle alcune indicazioni dovrebbe essere un uomo di nome Josh. Josh viene rintracciato da Wraith che decide si prendere la sua identità per un po'. Josh - Wraith - e Serena si incontrano e sin dal primo momento scatta una scintilla fra i due.
Il caro demone cerca per tutto il tempo di sedurre Serena ma le due doti da Casanova sembrano non funzionare molto bene poiché Serena non ha intenzione di cedere. Certo, dopo poco nemmeno la determinata e forte Serena riuscirà a stare alla larga dal fascino di Wraith e fra i due comincerà una relazione, se così possiamo chiamarla, molto pericolosa.
Wraith ha la possibilità di salvarsi ma questo comporta la morte della Sentinella poiché perdendo la verginità la ragazza morirebbe. A Wraith non importava molto di Serena all'inizio ma il suo cuore di ghiaccio si è finalmente sciolto e non potrebbe mai e poi mai fare del male alla donna che ama.
Wraith sta morendo e con lui anche l'ospedale va a pezzi. Poiché i tre fratelli avevano costruito l'ospedale insieme grazie al loro sangue, sudore e lacrime, se uno di loro sta per morire anche l'ospedale va in rovina.
Cosa farà Wraith? Deciderà di salvare l'ospedale e i fratelli oppure morirà lasciano la donna che ama a vivere? E, soprattutto, le sue decisioni quali conseguenze avranno?

Quando si leggono tanti paranormal romance è difficile trovare autori bravi con idee originali e stile chiaro. Larissa Ione fa parte del gruppo di autrici da leggere sicuramente per chi ama il genere. Nonostante i suoi romanzi abbiano trame simili (in questo caso ho trovato la parte finale molto simile a quella de Il cavaliere eterno) lo stile e la fantasia generale riescono a compensare e a rendere il romanzo davvero piacevole.
Per non essere ripetitiva perché in fin dei conti continuerei a dire le stesse cose dette nelle altre recensioni farò un commento abbastanza breve. 

Larissa Ione va letta se amate il paranormal romance, assolutamente. I suoi personaggi sono accattivanti e abbastanza approfonditi. A questo proposito mi sono piaciuti molto Serena e Wraith a differenza di Cara e Ares che potevano essere sviluppati meglio psicologicamente. 
Con la serie Demonia l'autrice fa sempre dei passi avanti sia per quanto riguarda lo stile sia per la storia generale. Come ho detto nella recensione de Il cavaliere eterno, i libri di Larissa Ione hanno una storia che fa da sfondo veramente geniale: complessa, non pesante, affascinante e curiosa. A differenza di molte autrici che annoiano con lo scenario di fondo, Larissa incuriosisce e completa magnificamente la storia. 
Lo stile è pulito e chiaro, migliora leggermente da un libro all'altro (le traduzioni a volte pessime non migliorano, purtroppo). Non è perfetto e ci sono autori che scrivono meglio però nel panorama del paranormal è sicuramente fra le migliori. 
Wraith mi è piaciuto moltissimo anche se nei libri precedenti non mi stava particolarmente simpatico. Serena è una donna interessante che ha qualche problema con il dire e il fare. Nel senso che a volte dice "faccio questo" poi fa l'esatto opposto, ma cerchiamo di capirla: di fronte a Wraith il cervello ha deciso che era ora di funzionare poco bene. La loro storia, comunque, mi è piaciuta eccetto un pezzo della parte finale che ho trovato abbastanza prevedibile. Nel complesso è un bel libro che le amanti della serie apprezzeranno molto.
Per finire vi auguro una buona lettura e fatemi sapere cosa ne pensate di questa autrice. Sapete che sono curiosa!

Nessun commento:

Posta un commento