venerdì 17 agosto 2012

Recensione: La chimera di Praga, di Laini Taylor

Un caro saluto a tutti!! La recensione di oggi riguarda il romanzo La chimera di Praga, uscito a maggi per la casa editrice Fazi. Si tratta di un romanzo Young Adult, primo di una serie che, a dire il vero, non so quanti capitoli avrà esattamente. Il secondo volume esce negli Stati Uniti a novembre di quest'anno. 

Titolo: La chimera di Praga
Titolo originale: Daughter of Smoke and Bone
Autore: Laini Taylor
Editore: Fazi
Collana: Lain
Prezzo: 14,90 €
Pagine: 394
Serie: Daughter of Smoke and Bone #1

Trama: Karou ha 17 anni, è una studentessa d'arte e per le strade di Praga, la città in cui vive, non passa inosservata: i suoi capelli sono di un naturale blu elettrico, la sua pelle è ricoperta da un'intricata filigrana di tatuaggi, parla più di venti lingue e riempie il suo album da disegno di assurde storie di mostri. Spesso scompare per giorni, ma nessuno sospetta che quelle assenze nascondano un oscuro segreto. Figlia adottiva di Sulphurus, il demone chimera, la ragazza attraversa porte magiche disseminate per il mondo per scovare i macabri ingredienti dei riti di Sulphurus: i denti di ogni razza umana e animale. Ma quando Karou scorge il nero marchio di una mano impresso su una di quelle porte, comprende che qualcosa di enorme e pericoloso sta accadendo e che tutto il suo universo, scisso tra l'esistenza umana e quella tra le chimere, è minacciato. Ciò che si sta scatenando è il culmine di una guerra millenaria tra gli angeli, esseri perfetti ma senz'anima, e le chimere, creature orride e grottesche solo nell'aspetto esteriore; è il conflitto tra le figure principi del mito cristiano e quelle dell'immaginario pagano. Nel disperato tentativo di aiutare la sua "famiglia" Karou si scontra con la terribile bellezza di Akiva, il serafino che per amore le risparmierà la vita.

RECENSIONE

Per chi legge tanti romanzi Urban Fatasy - o simili - per "giovani adulti" è facile ritrovarsi davanti a storie già viste, lette e rilette. Inizialmente non ero sicura di voler leggere La chimera di Praga però alcuni elementi mi affascinavano e davano l'idea di qualcosa di diverso. Fortunatamente il romanzo ha degli elementi originali e, rispetto a molti YA degli ultimi tempi, merita la lettura.
Grazie ad una protagonista decente, con un briciolo di intelligenza (per capirci), ambientazione ben riuscita, un pizzico di mistero e vite presenti e passate intrecciate, l'autrice è riuscita a dare un quadro piuttosto interessante al romanzo e a renderlo assai piacevole.


La protagonista del romanzo è una giovane ragazza dai capelli blu di nome Karou. La ragazza è stata cresciuta a Praga dove attualmente frequenta l'istituto d'arte. I suoi disegni sono molto particolari poiché raffigurano elementi fantastici, creature misteriose dall'aspetto per metà umano e per metà animale, ovvero le Chimere. Per il mondo degli umani i disegni di Karou sono solo disegni, anche se in realtà le Chimere esistono e la protagonista è stata cresciuta da una di loro.
Il mondo di Karou è ben diverso da quello che tutti si immaginano e, in parte, anche da quello che immagina lei poiché solo col tempo conoscerà il vero e l'intero mondo delle chimere.
A Praga, e in diversi altri paesi del mondo, sta accadendo qualcosa di strano, misterioso. E come se non bastassero problemi al negozio di Sulphurus dove è cresciuta, un assassino cerca di ucciderla mentre è in una delle sue missioni. Akiva, l'assassino che aveva il compito di ucciderla, viene a farle visita a Praga e per ragioni sconosciute i due si ritrovano a proteggersi le spalle a vicenda. Akiva, però, nasconde molti segreti e solo lui può aiutare Karou a rispondere alla domanda che la tormenta da una vita: chi è lei veramente? Anche se Akiva è un serafino, nemico giurato delle chimere.
Karou non si è mai sentita a suo agio nel mondo degli umani ma il suo passato è avvolto in un alone di mistero. Nessuno le aveva dato mai spiegazioni, ma lei ha un disperato bisogno di risposte.

Le chimere e la loro storia, intrecciata a quella dei serafini, sono un punto a favore del romanzo. L'autrice propone un nuovo tipo di figure fantasy che si allontano dai cannoni degli ultimi Young Adult sul mercato. Il mondo delle chimere è affascinante e arcano, persino per Karou che ha vissuto per tutta la vita con una chimera. Segreti apparentemente inconfessabili e tremendi si nascondono nel negozio di Sulphurus e la curiosità di Karou creano una combinazione letale. Spinta dal desiderio di sapere la ragazza aprirà delle porte del passato e ciò darà avvio a una serie di avvenimenti spiacevoli.
Il romanzo ha questo tocco misterioso che lo rende più interessante anche quando la storia o un determinato evento non lo sono.
La chimera di Praga è indirizzato ad un pubblico giovanile e, di conseguenza, lo stile si adatta alle circostanze: scorrevole, leggero e non troppo descrittivo. Non si può dire che sia ottimo, perché non lo è, ma supera sicuramente i standard di certi YA letti nell'ultimo periodo.
Quello che ho apprezzato maggiormente è stato l'intreccio del presente con il passato. Il romanzo è come un puzzle che si compone man mano che si prosegue la lettura e, da questo punto di vista, l'autrice ha fatto un ottimo lavoro.
Il finale e quella famosa parola "continua" non sono il massimo. A me piacciono i libri che non hanno il finale troppo aperto e qui è l'esatto contrario. Arrivato al punto più interessante la storia si è interrotta. Inoltie, alcune parti potevano essere rallentate leggermente. Il problema di molti romanzi è proprio questo: inizio lento e assai inutile, e il finale troppo veloce. Nella prima parte del romanzo conosciamo Karou, la sua migliore amica e il suo ex ragazzo. Non so per quale motivo l'autrice si sia soffermata tanto sulla storia dell'ex che in seguito non è servita a un bel niente, infatti la prima parte era lentissima.
La parte centrale è densa di eventi, troppi per solo pochi giorni. Per non parlare del fatto che la ragazza si innamora dopo aver visto Akiva due volte nel giro di due giorni. La loro storia però è tenera e dolce. Se amate questo tipo di storie il romanzo fa per voi.

Nel complesso il romanzo è molto bello, escluse alcune sbavature. La storia generale è buona anche se non si ancora capito dove voglia arrivare l'autrice. L'idea c'è ma deve essere sviluppata per questo è difficile da giudicare. Questo primo romanzo è come una buona introduzione che porterà a qualcosa di ancora più bello, o almeno me lo auguro. Sicuramente siamo a un buon punto di partenza.
Consigliato? Certo. La chimera di Praga è un bel romanzo che si legge con molto piacere. Ho esposto alcuni punti che secondo me non erano il massimo ma sappiamo che sono pignola. A chi vuole un bel romanzo, fresco e coinvolgente consiglio di leggere La chimera di Praga, non deluderà. Buona lettura!!

6 commenti:

  1. Io l'ho amato perdutamente questo romanzo e muoio dalla voglia di rileggerlo! Complimenti per la recensione e l'ottima scelta di lettura;)
    Baci

    RispondiElimina
  2. ho letto questo libro!!!mi è piaciuto un sacco!!!!
    non vedo l'ora di leggere il continuo!!
    la storia mi ha coinvolto molto!!

    RispondiElimina
  3. Adoro le tue recnsioni, sono altamente realistiche e "mediche"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potresti fare un Cover Wars su questo libro...la copertina italiana è bella ma non troppo...si vedono i capelli di Karou che sono tinti :(...

      Elimina
    2. Grazie ^____^ In un post vecchio se ne parlava. Ti lascio il link così vedi:
      http://the-angelsbook.blogspot.it/2012/06/cover-wars-114.html
      E comunque concordo la cover italiana non è male ma preferisco l'originale :)))
      Baci

      Elimina
  4. Bella recensione (la mia la trovi qui, se ti va!) ^^
    Di questo libro ho assolutamente amato l'ambientazione descritta dalla sapiente mano della Taylor, i personaggi a 360° in particolare Sulphurus, il mio amore, e i cliffhanger finali che fanno venire voglia di continuare la storia...
    Non è sicuramente un libro perfetto, però, e ci sono degli elementi che per ora mi hanno deluso (Akiva!!).
    Un abbraccio e buone letture,
    Rainy

    RispondiElimina