giovedì 23 febbraio 2012

Recensione: Oro Sangue di J.R. Ward

Miei cari, oggi voglio parlarvi di una delle mie ultime letture. Si tratta di "Oro Sangue"di J. R. Ward, il sesto libro della Confraternita del Pugnale Nero, una serie che io amo moltissimo.
La serie è finora composta da "Il risveglio", "Quasi tenebra", "Porpora", Senso" e "Possesso". In Questi romanzo abbiamo conosciuto i fratelli guerrieri e vampiri che lottano contro un nemico molto potente, Omega, e le sue pedine i Lesser.
Non voglio andare a parlarvi di nuovo di tutti i libri quindi se non avete ancora letto la serie di J.R. Ward vi consiglio di farlo e, se volete, QUI potete leggere la mia recensione dei primi cinque libri.

Titolo originale: Lover Enshrined
Autore: J.R. Ward
Titolo: Oro sangue
Prezzo: 15.00 €
Editore: Rizzoli
Collana: HD
Pagine: 420

Trama: Phury è ferocemente fedele alla causa della Confraternita del Pugnale Nero: i suoi desideri passano in secondo piano di fronte al bene della sua stirpe, per il quale è pronto a qualunque sacrificio. È lui il maschio designato che dovrà assicurare la continuità della razza dei vampiri, generando figli insieme alle Elette. Una delle quali, Cormia, vorrebbe conquistare solo per sé il cuore di Phury, che tuttavia non si è mai concesso la consolazione del piacere e della felicità. Con la minaccia sempre più vicina dei lesser, decisi a sterminare la Confraternita, la tragedia aleggia sulla dimora dei vampiri: Phury dovrà scegliere fra il dovere e l'amore.

RECENSIONE

Bene, siamo arrivati al sesto romanzo della Confraternita del Pugnale Nero e siamo pronti per conoscere Phury, fratello gemello di Zsadist. Nei primi romanzi avevamo visto un Phury tranquillo ed equilibrato, ma in questo romanzo scopriremo che non è così. Phury ha più problemi di quanti noi possiamo immaginare. 

Phury è sempre stato il fratello timido. Nei romanzi precedenti non si è mai esposto troppo e noi avevamo conosciuto solo un suo lato, quello gentile. Ma dentro di lui c'è anche una parte brutale che verrà a galla in "Oro sangue". 
Il vampiro ha seri problemi con la droga che piano lo sta portando sull'orlo del baratro. Non ha nessun controllo sulla sua mente e sulle sue azioni. Ha sempre ucciso i lesser per proteggere la sua specie, ma ora fa cose brutte, uccide i nemici nei modi più brutali che ci sono e prova piacere nel farlo. 
I fratelli cercano di farlo ragionare ma sembra che Phury non abbia voglia di ascoltare i loro consigli. Phury si comporta in modo irresponsabile e Wrath, il re dei vampiri, è costretto a buttarlo fuori dalla confraternita. 
Un colpo duro per Phury, ma nemmeno questo riuscirà a portarlo sulla via giusta. 



Intanto, il vampiro ha un altro problema. Nel libro precedente ha preso il posto di Vishous come Primale e il suo compito dovrebbe essere quello di mandare avanti la razza e, detto in modo più semplice, fare figli con le Elette. Purtroppo Phury non vuole ricoprire questo ruolo e più il tempo passa più tensione c'è tra lui e la direttrice delle Elette. 
Costretto ad abbandonare i compito della Confraternita, Phury comincerà a conoscere meglio Cormia, la sua Prima sposa. Dopo cinque mesi da quando Corima vive sulla terra insieme ai fratelli, finalmente avrà modo di interagire con il loro mondo. 

Cormia ha sempre vissuto con le altre Elette e il suo mondo, così bianco, privo di colore e emozione, era completamente diverso da dove si trova adesso. Inizialmente ha odiato quello che le stava succedendo. Non voleva diventare la Prima sposa del Primale ma ora sta cambiando idea. Ha osservato Phury per molto tempo e ha capito che è una brava persona, un uomo - vampiro - premuroso e gentile. 
Sarà proprio il suo amore e la sua forza a salvare Phuty, a tirarlo fuori dai guai e a rimetterlo in riga. 

Aspettavo questo romanzo con ansia (e ora devo assolutamente leggere Riscatto) ma ero pronta a rimanere un po' delusa. Di fatto, sono rimasta delusa. Il romanzo è molto bello, la Ward è la Ward, però ci sono stati momenti in cui era veramente noioso. 
J. R. Ward mi piace perché le sue storie sono belle e piene di passione. Amo il suo stile così dolce e rude allo stesso tempo. I personaggi sono tutti diversi e hanno un carisma che affascina. Però quando è troppo è troppo.

In questo romanzo vediamo la storia di Phury e Cormia. Loro due sono perfetti l'uno per l'altra ma sono noiosi, da tutti punti di vista. Cormia è innamorata di lui ma ha paura di esprimere i suoi sentimenti. Phury gioca a interpretare la coscienza e ogni volta che si avvicina a Cormia, fa qualcosa per allontanarsi. 
La loro storia è lenta e annoia perché nessuno dei due si decide a fare qualcosa. Ci mettono una via a dichiararsi e a far funzionare le cose. Complicano le cose già semplici di per se. 

Per fortuna, e dico per fortuna, ci sono alcuni personaggi veramente interessanti e, personalmente, ero più interessata a loro che a Cormia e Phury. John per esempio. Era comparso nel secondo romanzo e sembrava molto tranquillo però non mi diceva molto. In "Oro sangue" gli viene dato molto spazio e lo conosciamo meglio. E' un personaggio fantastico e non vedo l'ora di leggere il suo libro. 
Xhex, la buttafuori di Zero Sum (locale di Rehvenge dove vanno sempre i fratelli), è straordinaria. Una donna tosta. Mi è piaciuta da matti. 
Anche Rehv ha una certa importanza e conosciamo un lato del Reverendo un po' particolare. SOno certa che nel suo romanzo (che è il settimo) ne vedremo delle belle. 
Altri due personaggi che amo sono Blay e Qhuinn, gli amici di John. Blay è così carino, timido e tranquillo, mentre Qhuinn è più estroverso, prono sempre a far baldoria. 

Oro sangue è un bel romanzo ma, a mio avviso, poco avvincente. Ringrazio i personaggi secondari perché senza di loro sarebbe stata una noia pazzesca. 
Non nego che un po' mi ha deluso e spero il ritmo torni nei prossimi libri come lo era nei precedenti. 
Sicuramente il giudizio non è negativo, anzi. Però poteva essere migliore... Io continuo a consigliare la serie di J.R. Ward perché merita molto anche se ci sono ricadute leggere ogni tanto. 

La Confraternita del pugnale del nero

1. Il risveglio (Rizzoli) - Dark Lover. Un amore proibito (Mondolibri)
2. Quasi tenebra (Rizzoli) - Lover Eternal. Un amore immortale (Mondolibri) 
3. Porpora (Rizzoli) - Lover Awakened. Un amore impossibile (Mondolibri)
4. Senso (Rizzoli) - Lover Revealed. Un amore violato (Mondolibri)
5. Possesso (Rizzoli) - Lover Unbound. Un amore indissolubile (Mondadolibri)
6. Oro sangue (Rizzoli) - Lover Enshrined. Un amore prezioso (Mondadolibri)
7. Riscatto (Rizzoli) - Lover Avenged. Un amore infuocato (Mondolibri)
8. Lover Mine. Un amore selvaggio (Prossimamente per Mondolibri)
9 .Lover Unleashead 
10. Lover Reborn (Marzo 2012 America)

3 commenti:

  1. Non l'ho ancora letto, devo ordinarlo insieme Riscatto. Sto rinviando l'acquisto da quando ho saputo che nell'edizione Rizzoli ci sono dei tagli rispetto a quella Mondolibri. Alcune lettrici che hanno avuto modo di leggerle entrambe hanno notato che in Possesso mancano delle frasi e in Riscatto addirittura una scena intera.
    Scusa lo sfogo, ma questa cosa mi ha proprio innervosita.
    Per quanto riguarda Oro Sangue un po' me l'aspettavo che fosse meno bello rispetto agli altri libri, quindi posso anche perdonare alla Ward qualche piccola ricaduta (ma che non capiti troppo spesso eh?^^). =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa delle scene tagliate l'ho sentita anche io ma non ho l'edizione Mondolibri o originale quindi non posso confermare. Se è vero non capisco perché lo fanno. Dal mio punto id vista non ha sento, o mi traduci tutto o non traduci niente, punto.
      Riscatto me lo devo procurare anche io ma prima devo togliermi di mezzo tutti i libri che devo leggere :)

      Elimina
  2. Veramente mancano dei pezzi nei libri???
    Assurdo!
    Fortunatamente dal 5° libro ho iniziato a leggerlo in inglese quindi non ho questo problema... però se tagliano i pezzi è assurdo!

    Beh in ogni caso anche il libro su Phury è magnifico... alla fine ho pianto tanto quanto con gli altri *_*!
    Vi consiglio di leggerli tutti, anche in lingua perchè non sono particolarmente difficili nonostante utilizzino molto slang americano, sono stupendi! :)

    RispondiElimina