venerdì 27 gennaio 2012

Recensione "Il bacio oscuro" di Lara Adrian

Miei cari, oggi vi recensisco un romanzo che ho appena finito di leggere. Come sapete io adoro i romanzi di Lara Adrian e non ho potuto non prendere il settimo romanzo della serie per adulti La Stirpe di Mezzanotte.

Autore: Lara Adrian
Titolo: Il bacio oscuro
Editore: Leggereditore
Pagine: 384
Prezzo: 10,00 €
Altro: La Stirpe di Mezzanotte #7

Trama: Qualcosa di non umano sta dilagando nella gelida natura dell'Alaska, lasciando indicibili carneficine sul suo cammino. Al pilota Alexandra Maguire quegli omicidi ricordano qualcosa che avrebbe voluto cancellare per sempre, riaprendo antiche e incolmabili ferite.
Finché un oscuro e seducente straniero entra nel suo mondo. Mandato da Boston per indagare sui crimini e fermare il killer, il vampiro Kade ha le sue ragioni per tornare nel suo paese natale. Perseguitato da una vergogna segreta, Kade scopre subito la sconvolgente verità sulla minaccia che deve fronteggiare, e si tratta di qualcosa che metterà a rischio il fragile legame che ha stretto con la giovane e coraggiosa donna che ha riacceso le sue più profonde passioni e la sua fame primordiale.
Ma per portare Alex nel suo mondo di sangue e oscurità, Kade dovrà confrontarsi sia con i suoi demoni personali sia con l'entità maligna che potrebbe distruggere tutto ciò che gli è caro.
Entra in una fredda landa selvaggia, immersa nell'oscurità, dove il confine tra bene e male, fra gli amanti e i nemici, è labile, e scopri il nuovo affascinante capitolo di una serie che crea assoluta dipendenza.

RECENSIONE

Feroce, potente, pericoloso! Un nemico assetato di sangue sta facendo una strage in Alaska.
Quando la pilota Alexandra Maguire vede una famiglia massacrata, capisce che qualcosa non quadra. C'è chi parla di un assassino, c'è chi da la colpa ai lupi, ma nessuno crede ad Alex. Nessuno crede che ci sia un mostro che si aggira per le tranquille cittadine di Alaska seminando terrore. 
Alex non viene presa sul serio e non può parlare con nessuno, ma lei sa che là fuori c'è un mostro. 
Kade, guerriero della Stirpe, è in Alaska per indagare sui casi di omicidio, leggermente sospetti. L'Ordine crede che dietro quelle uccisioni ci sia un vampiro ed è loro compito proteggere gli innocenti.

Kade non è in Alaska sono per risolvere i problemi per conto dell'Ordine, ha anche bisogno di sistemare alcune faccende famigliari. Il guerriero, infatti, è originario di Alaska. Viveva con i suoi genitori e il fratello gemello in uno dei Rifugi Oscuri finché non è successa una cosa terribile. Invece di occuparsene subito, Kade ha preferito scappare e lasciarsi il problema alle spalle. Ora però quel problema è diventato ancora più grande, ma potrebbe addirittura salvargli la vita. 
Alex, dall'altra parte, fugge proprio come Kade. Dopo la morte della madre e del fratello, Alex si trasferì con il padre in Alaska. Per anni ha cercato di nascondersi e di tenere il passato il più lontano possibile. 

Due anime in fuga. Un guerriero e una Compagna della Stirpe. Due persone che troveranno amore e che, insieme, diranno addio a quel passato tanto terribile. 

Ero scettica, e molto. Quando ho preso in mano questo romanzo non sapevo cosa pensare. Kade è un personaggio che si vede poco nei libri precedenti. Avevo dei dubbi sul suo conto. 
Leggendo però mi sono ricreduta e l'ho trovato veramente interessante. Mi è piaciuto molto ed è stato bello conoscerlo. Credo che la parte più bella sia stata mettere a confronto Kade del presente e quello del passato. Il suo cambiamento, i ripensamenti e le scelte fatte. 
Anche Alex è un personaggio molto bello. Semplice. E' molto intuibile a cosa sia legato il suo passato, ma è comunque bello scoprirlo passo dopo passo. 

La storia in generale è stata costruita bene anche se alcune cose erano abbastanza ovvie. 
Come nei libri precedenti l'azione domina la scena, sopratutto nella parte finale. Ci sono anche dei colpi di scena veramente di classe. 
Sullo stile non ho da ridire. Lara Adrian scrive molto bene e mi piace il suo stile. L'unica cosa che non mi piace è che ripete spesso le cose. I libri fanno parte di una serie ma in teoria potrebbero essere letti anche indipendentemente. L'autrice ripete certe cose per chiarire meglio la storia. Un esempio sono le Compagne della Stirpe. Credo abbia detto in tutti i libri chi sono eccetera. Però si tratta di una sottigliezza.

Libro sicuramente consigliato, i fan della serie non rimarranno delusi. Fortunatamente la serie mantiene sempre lo stesso ritmo e non ci sono cali di nessun tipo. 
La Stirpe di Mezzanotte è sicuramente una delle serie Paranormal Romance da leggere. E se siete curiosi da sapere di cosa parlano i libri precedenti fate un salto QUI.  

3 commenti:

  1. non ho mai letto niente della adrian, ma dalla tua recensione capisco che forse dovrei!^__^

    RispondiElimina
  2. bella recensione ma il libro no fa per me

    RispondiElimina
  3. Ciao ^^ sono da poco follower del tuo blog, ma lo seguo da un po' e mi piace molto... ti premio con il Versatile Blogger Award!! passa da me se ti va!

    RispondiElimina