mercoledì 20 luglio 2011

Recensione: Un cuore nelle tenebre di Roberta Ciuffi

Ciao a tutti! Ho finito da poco Un cuore nelle tenebre di Roberta Ciuffi ed ecco a voi la mia recensione…

Titolo: Un cuore nelle tenebre
Autore: Roberta Ciuffi
Editore: Leggereditore
Pagine: 365
Prezzo: 5.00€ (10,00€ dopo il 31 agosto)

Trama: San Raffaele, un paese quasi nascosto tra le montagne del Friuli, è preso di mira dalle aggressioni di strani lupi, che sembrano scegliere le loro vittime solo tra i giovani del luogo. Lars Coulter, archeologo di fama, viene chiamato da un suo vecchio professore in pensione a indagare sulle aggressioni. Perché Lars non è solo quel che sembra. Così come non lo è San Raffaele, e neppure gran parte dei suoi abitanti. Tutti loro condividono un’antica maledizione, che ha origine dal mitico re di Arcadia, Lykaon, e per la quale sono condannati a vivere la doppia natura di umani e lupi. I Coulter sono i diretti discendenti di quel Re, e hanno il compito di vigilare che la parte animale non prenda il sopravvento sulla loro gente. Ma a San Raffaele c’è almeno un lykaon fuori controllo, e Lars deve scoprire chi è. E ucciderlo. E deve scoprire cosa terrorizza Elena, la giovane arrivata da poco in paese, e da cosa fugge. O da chi. Perché forse questi due misteri sono legati tra loro e risolverli lo porterà a scoprire la causa della tragedia che ha sconvolto la sua vita.

Recensione

Un cuore nelle tenebre è il primo paranormal romance scritto da Roberta Ciuffi, già autrice di numerosi romanzi storici.
Il romanzo è ambientato nel 1885 a San Raffaele, un piccolo paesino del Friuli. Il protagonista della storia è Lars Coulte, altrettanto chiamato il Coltello, ed è un lykaon. I lykaon sono i mutaforma che hanno la capacità di trasformarsi in lupi. Lars viene chiamato a San Raffaele in quanto molti giovani e bambini hanno perso la vita a causa di un lupo. Lars viene ospitato a casa del professor Pratt, un caro vecchio amico. Lars ha il compito di trovare il lupo che terrorizza la popolazione e assicurarsi che non lo faccia mai più. Scoprirlo però non sarà facile…  
La protagonista femminile è Elena Arlati che per ragioni piuttosto misteriose si reca da sua sorella Melissa e il cognato Orlando Gradioli, nonché la marchesa e il marchese.
Il clima a casa Gradioli non è uno dei migliori. La marchesa è diventata iperprotettiva da quando il figlio e stato sbranato dai cani e non si allontana mai dalla figlia Matilde. Il marchese intanto ha una relazione segreta, più o meno visto che lo sanno quasi tutti, con una ragazza di nome Giulia.
Elena è segretamente attratta da Orlando ma sarà il misterioso archeologo Lars a scioglierle il cuore di ghiaccio.
Tra antiche leggende e segreti inconfessabili, nascerà un amore delizioso e pericoloso allo stesso tempo.



Questo libro è il primo romanzo di Roberta Ciuffi che ho letto e quindi non riesco a confrontarlo con i suoi lavori precedenti. Ciononostante ho trovato questo romanzo molto piacevole e intrigante.
La storia è molto interessante e i colpi di scena accompagnano questo fantastico romanzo dove nessuno è al sicuro e tutti sono sospetti.  
L’autrice è riuscita a mescolare abilmente la parte del fantastico con la parte romance. La parte del romance non soffoca il resto della storia e non è nemmeno pesante, ma poteva tranquillamente essere approfondita di più. Giusta dose di amore e sensualità legata al mistero e suspense…
Il colpo di scena finale è assolutamente fantastico anche se un po’ veloce. La parte iniziale è leggermente lenta e quella finale poteva essere ampliata maggiormente. Nel complesso però la storia è costruita bene.
Un punto a favore va alla parte del mistero. Per capire chi è il cattivo bisogna aspettare le ultime pagine, nonostante vengano dati vari indizi, non si ha mai certezza di chi sia il colpevole.
Quella dei lykaon è una leggenda molto intrigante e Roberta è riuscita a farla rimanere tale…

I personaggi sono costruiti bene anche se a volte Elena è incoerente; dice o pensa delle cose ma fa l’esatto contrario. Lars intanto è un personaggio molto bello e interessante.
Entrambi hanno un passato particolare che in qualche modo dà loro forza. Lars è piuttosto freddo e una spiegazione c’è. Un passato crudele e sanguinoso. Un passato di amore e sofferenza, di pazzia e controllo.
Cosa nasconde la fragile e disperata marchesa? Quali segreti custodisce l’indifeso professor Pratt?
L’autrice si è soffermata molto sulla psicologia dei personaggi per cercare di renderli verosimili il più possibile e questa cosa mi è piaciuta molto.
E non dimenticate che l’apparenza a volte inganna…

Per concludere quindi consiglio assolutamente questo romanzo. Non mi sono mai piaciuti troppo i mutaforma, i lupi e simili, ma questo libro mi è piaciuto proprio tanto e sono sicura piacerà anche a voi. Assegno al libro 4 stelle e spero che non sia l’ultimo paranormal romance di Roberta Ciuffi.

Nessun commento:

Posta un commento