domenica 22 maggio 2011

Recensione: Whisper di Maggie Stiefvater

Un saluto a tutti!!! Oggi vi parlo di Whisper di Maggie Stiefvater che ho finito di leggere da poco.

Autore: Maggie Stiefvater
Titolo: Whisper
Titolo originale: Lament: The Faerie Queen's Deception
Editore: Fanucci
Prezzo: 16,00 €
Pagine: 311

Trama: La sedicenne Deirdre Monaghan è una musicista incredibilmente timida ma prodigiosamente dotata. Inoltre sta per scoprire di essere una "cloverhand" una che può vedere le fate. Quando un misterioso ragazzo sbucato dal nulla entra nella sua ordinaria vita di città, Deirdre se ne innamora. Il problema è che l'enigmatico e contraddittorio Luke si scopre essere un 'gallow-glass' un assassino senz'anima di fate - e Deirdre sta per essere la sua prossima vittima. Deirdre deve decidere se i sentimenti di Luke verso di lei sono reali, o soltanto un modo per condurla più profondamente nel mondo delle Fate. L'amore di Deirdre per Luke, bello e pericoloso, la costringerà a prendere coscienza dei suoi poteri elfici, e a essere coinvolta in una lotta all'ultimo sangue contro esseri inimmaginabili.



Per parlarvi di questo romanzo parto dal commento di Booklist che dice: Un romanzo che colpisce con la sua autentica rappresentazione della tradizione delle fate celtiche e di un amore proibito e pericoloso ambientato nell’America contemporanea. Attraente come Twilight di Stephenie Meyer.

Perché voglio partire da qui? Semplice, avrei qualcosa da ridire anche se il libro mi è piaciuto.
Prima cosa. È possibile che al giorno d'oggi ogni libro debba essere paragonato a Twilight? Io non lo capisco propri, esistono così tanti libri ma non si fa altro che paragonare i nuovi YA a Twilight. Tra l'altro Twilight parla di vampiri e Whisper di fate. Non che abbiano molto in comune, se me lo avessero paragonato a un libro sulle fate avrei potuto chiudere un occhi ma in questo caso no. Insomma non si può continuare così. Abbiamo capito tutti che Twilight è piaciuto a molti (me compresa) ma non dobbiamo per forza paragonare tutto a Twilight.
Detto questo passiamo al punto due. Le fate. Booklist dice che il romanzo “ colpisce con la sua autentica rappresentazione della tradizione delle fate celtiche”. Non sono informata al cento percento sull'argomento fate celtiche ma da quel poco che so, Whisper, rappresenta abbastanza bene le fate ma non è di certo il massimo. A dire il vero mi aspettavo molo di più.

Torniamo alla storia.
Lei è Deirde ed è una ragazza comune che va a scuola, suona e canta molto bene, ha una madre precisina, altro che un orologio svizzero, una nonna alla quale vuole molto bene e una zia insopportabile e... bel quello lo dovrete scoprire voi. Lui è un gallow-glass, ovvero un assassino delle fare. Dolce e crudele allo stesso tempo, Luke ruberà il cuore alla cara Dee. La storia ruota intorno a questi due personaggi, il loro amore e segreti. 

Il romanzo procede abbastanza bene dall'inizio alla fine, accompagnato costantemente dalla musica. Sia Dee che Luke cantano e la musica è una componente fondamentale per il corso della storia e certi avvenimenti. Questa nota musicale da al libro una leggerezza particolare ed è anche un punto di forza del libro.
Mi è dispiaciuto molto che l'autrice non abbia approfondito maggiormente l'argomento “fate”. Mi aspettavo di vedere le fate più protagoniste, il loro mondo, modo di vivere fare eccetera; purtroppo i miei desideri non sono stati esauditi. Dee viene a contatto con un mondo che non conosce che però la riguarda molto e non da impressione di non essere molto interessata. Anche se in realtà Dee vuole sapere molto sulle fate e le loro cose ma per qualche strana ragione l'autrice non ce lo fa vedere o percepire. In poche parole la parte urban fantasy non è presente sufficientemente come un lettore si aspetta leggendo la trama.
La storia d'amore. La storia d'amore tra Dee e Luke comincia troppo presto, nel senso ci conosciamo da due giorni eh guarda ti amo. Insomma non è proprio così ma quasi. Sembra quasi che l'autrice abbia avuto tanta fretta, ha accelerato troppo la prima parte del romanzo. La cosa ovviamente stona con il resto della storia. Il primo incontro per quanto strano non insospettisce quasi per niente Dee. Tra l'altro Dee conosce più o meno Luke perché Luke in realtà è il ragazzo dei suoi sogni. Trovarsi davanti il ragazzo che hai sognato più volete e non chiedergli che è o altro,è una cosa poco logica da fare. Ditemi voi...



Il modo di scrivere della Stiefvater e così così. Premesso che questo e il suo primo romanzo che leggo, non so come sia la situazione in Shiver... Lo stile è piuttosto semplici e non ci troviamo davanti a un romanzo con un lessico tanto elevato. In dati momenti la lettura è piacevole in altri meno poiché il lettore non riesce ad entrare nella storia. A volte l'autrice non è riuscita a scrivere in modo da coinvolgere il lettore. Nonostante ciò il libro è piacevole da leggere: Una lettura piacevole e non impegnativa.

“E uccise ancora e ancora per lei, mentre la sua anima languiva in una gabbia lontana. Finché non si fisso su una ragazza che portava lo stesso nome della Regina, Deirde, soltanto che Luke Dillon questa l'amava e non la uccise. “


Per quanto riguarda i personaggi ci sarebbero tante cose da dire. Dee è una ragazza troppo “ordinaria” (per citare Like). La madre la controlla in modo costante e sembra che debba dettare la vita di Dee. Ad un certo punto però Dee si rende conto che non può andare avanti in questa maniera e cerca di “disobbedire”. Anche questo passaggio è troppo veloce per la storia.
Luke è un assassino. Per quanto possa essere un personaggio bello, dolce, carino e tutto quello che vuoi, un assassino non lo sembra. Mi aspettavo di trovare un personaggio tormentato con un aureola scura sopra la testa e invece... Si è molto tormentato anche se non lo si capisce bene. Il lato cattivo invece è troppo buono. Non so pensando agli assassini e fate mi viene in mente Devlin dei libri di Melissa Marr. Quello si che è un assassino tormentato e oscuro.
Il romanzo in teoria avrebbe dovuto risultare più crudele e cattivo. La dolcezza e bellezza invece prevalgono troppo e non i conti non tornano.
Un altro personaggio che non ho nominato è James. James è l'amico di Dee molto intelligente e disponibile. Anche lui viene a sapere delle fate e poveretto si troverà nelle loro braccia. È un personaggio carino ma è il solito amico innamorato che farebbe di tutto per l'amica (amata).

Per concludere. Il romanzo ha molti difetti e poteva essere migliore se solo l'autrice ci avesse messo un po' più di impegno e ragionamento. Alcuni punti sono male calcolati altri si salvano bene. Non è di certo un capolavoro dell'anno ma è comunque un romanzo piacevole da leggere.
La fine è molto interessante e confusa. L'idea fino ad un certo punto era ottima è proseguiva molto bene, soprattutto quando si parlava dell'anima di Luke. Poi le ultime righe sembrano buttate lì. Nulla di speciale...
Aspetto il secondo per vedere come va avanti la storia...

Il mio voto:  
SI consiglio il libro agli amanti delle storie d'amore che non si stufano degli YA. Però per apprezzare meglio il romanzo non aspettatevi troppo e andrà bene...

L'autriceMaggie Stiefvater ha ventotto anni e vive in Virginia insieme al marito, ai due figli e un gatto in una grande casa sperduta nel nulla, come ama dire. Pittrice e illustratrice di talento, scrive libri a sfondo fantasy per giovani adulti. Deeper è il seguito di Shiver, venduto in trentadue Paesi.



Altri romanzi di Maggie Stiefvater


Shiver
Rizzoli editore
17,00/ 9,90€


Trama: Grace e Sam non si sono mai parlati, ma da sempre si prendono cura l’una dell’altro. Non si conoscono, eppure lei rischierebbe la vita per lui, e lui per lei.
Perché Grace, fin da piccola, sorveglia i lupi che vivono nel bosco dietro casa sua, e in particolare uno dotato di magnetici occhi gialli, che negli anni è diventato il suo lupo. E perché Sam da quando era un bambino vive una doppia vita: lupo d’inverno, umano d’estate. Il caldo gli regala pochi preziosissimi mesi da essere umano prima che il freddo lo trasformi di nuovo.
Grace e Sam ancora non si conoscono, ma tutto è destinato a cambiare: un ragazzo è stato ucciso, proprio dai lupi, e nella piccola città in cui vive Grace monta il panico, e si scatena la caccia al branco. Grace corre nel bosco per salvare il suo lupo e trova un ragazzo solo, ferito, smarrito, con due magnetici occhi gialli. Non ha dubbi su chi sia, né su ciò che deve fare.
Perché Grace e Sam da sempre si prendono cura l’una dell’altro, e adesso hanno una sola, breve stagione per stare insieme prima che il gelo torni e si porti via Sam un’altra volta. Forse per sempre.



Deeper
Rizzoli editore
17,00€

Trama: Il sole della primavera illumina e scalda l'amore di Grace e Sam. Dopo tanti anni a guardarsi da lontano, lui nel bosco insieme al branco, lei ossessionata da quel branco, finalmente sono insieme, certi del loro amore e del fatto che niente e nessuno potrà mai separarli. Ma la serenità sembra destinata a durare poco. Mercy Falls è ancora scossa dalla scomparsa di Olivia. L'arrivo di Cole, un nuovo ragazzo-lupo, aggiunge solo altro scompiglio. E qualcosa - o qualcuno - si intromette tra Grace e Sam. Lui è solo, senza guide né amici: saprà lottare per salvare il suo amore?





 _______________________________________________________

Whisper è il primo romanzo di una saga. Il secondo capitolo della serie si intitola Ballad. L'attenzione si sposta sul personaggio di James, ma Deirde rimane comunque un personaggio fondamentale per la storia.
James e Deirde cominciano a far parte di un conservatorio privato di musicisti. Il talento musicale di James attira l'attenzione di Nuala, una fata musa strappa-anime che si nutre di energia creativa delle persona (ovviamente quelle con eccezionale talento) fino a condurle alla morte.
Comporre insieme musica bella conduce all'inaspettata ammirazione e amore. James si renderà conto che Dee e Nuala sono il di nuovo un bersaglio della Regina e farà di tutto per salvarele, anche a costo di rischiare la vita.

Le diverse facce di Whisper...

1 commento:

  1. Io ho questo libro, anche se non l'ho ancora letto... I pareri sono molto contrastanti e a quanto ho capito dalla tua recensione dipende da quanto mi aspetto dal libro... Staremo a vedere! ^^

    RispondiElimina