martedì 3 maggio 2011

Recensione: Red di Kerstin Gier

tEccomi con una nuova recensione. 


Titolo originale: Rubinrot - Liebe geht durch alle Zeiten

Autore: Kerstin Gier

Titolo: Red
Editore: Corbaccio
Pagine: 329
Prezzo: 16,60 €
Il mio voto: 






Trama: Per l'amica Leslie, Gwendolyn è una ragazza fortunata: quanti possono dire di abitare in un palazzo antico nel cuore di Londra, pieno di saloni, quadri e passaggi segreti? E quanti, fra gli studenti della Saint Lennox High School, possono vantare una famiglia altrettanto speciale, che da una generazione all'altra si tramanda poteri misteriosi? Eppure Gwen non ne è affatto convinta. Da quando, a causa della morte del padre, si è trasferita con la mamma e i fratelli in quella casa, la sua vita le sembra sensibilmente peggiorata. La nonna, Lady Arisa, comanda tutti a bacchetta con piglio da nobildonna e con l'aiuto dell'inquietante maggiordomo Mr Bernhard, e zia Glenda considera lei, Gwen, una ragazzina superficiale e certamente non all'altezza del nome dei Montrose. E poi c'è Charlotte, sua cugina: capelli rossi, aggraziata, bravissima a scuola e con un sorriso da Monna Lisa. È lei la prescelta, colei che dalla nascita è stata addestrata per il grande giorno in cui compirà il primo salto nel passato. Charlotte si dà un sacco di arie, ma Gwen proprio non la invidia: sa bene che si tratta di una missione pericolosissima non solo per la sua famiglia ma per l'umanità intera, e da cui potrebbe non esserci ritorno. E non importa se Charlotte non viaggerà sola ma sarà accompagnata da un altro prescelto, Gideon de Villiers, occhi verdi e sorriso sprezzante... Gwen non vorrebbe davvero trovarsi al suo posto. Per nulla al mondo...

Recensione

Liebe geht durch alle Zeiten


A dire il vero non sapevo cosa aspettarmi da questo libro. Avevo letto recensioni positive ma credevo di trovarmi davanti a un altro Young Adult pieno di smancerie e cose simili. Dopo aver letto le prime cinquanta pagine ho capito che il romanzo presenta alcuni Cliché soliti dei romanzi YA ma si salva. 


La protagonista si chiama Gwendolyn e ha sedici anni. Gwendolyn è a conoscenza del potere di viaggiare nel tempo ma non sa che lei è la dodicesima viaggiatrice. Il potere di viaggiare nel tempo è posseduto solo da alcune persone e per esattezza sono dodici. Molti di loro sono già morti dato che il primo viaggio nel tempo risale a cinquecento anni fa.   
La famiglia di Gwendolyn ha sempre pensato che il gene per viaggiare nel tempo sarebbe toccato a Charlotte, la “simpatica” cugina di  Gwendolyn. Sin da piccola Charlotte è stata addestrata per poter superare il primo salto nel passato e anche quelli a venire. Nessuno ha mai pensato che il gene potesse appartenere a  Gwendolyn e non a Charlotte. Titti si erano sbagliati perché è  Gwendolyn la dodicesima viaggiatrice e non Charlotte. 
Dopo il primo salto le cose per  Gwendolyn non saranno semplici.  Gwendolyn conoscerà L'ordine dei Guardiani, un antico ordine che si occupa dei viaggi nel passato. Una cosa molto importante per la storia e un cronografo con 12 gemme. Il cronografo permette di scegliere l'epoca nella quale recarsi ma non solo.  Intorno al cronografo ci sono molti segreti. Nel cronografo deve essere inserito il sangue di ognuno dei viaggiatori ma non viene svelato a che scopo. Secondo i Guardiani per una cosa positiva, secondo Lucy e Paul no. Lucy e Paul erano due giovani amanti che hanno rubato un cronografo e si sono nascosti nel passato. Secondo loro il cronografo non porta niente di buono e vogliono impedire che il cerchi di sangue si chiuda. Per fortuna i Guardiani avevano un secondo cronografo che dopo molti anni hanno messo in funzione. Però non hanno ancora trovato Lucy e Paul. 
La domanda sorge spontanea: Perché il cronografo è cosi importante? Quale è il suo segreto? Cosa succederà quando il cerchio si chiuderà?







Abbiamo poi un personaggio importante: Gideon. L'undicesimo viaggiatore, bello, intelligente, antipatico con magnifici occhi verdi. Giedeon, come Charlotte, ha studiato sin da piccolo ed è molto preparato. Per lui non esistono pericoli nel passato. L'intesa tra Gideon e Gwendolyn non si può definire brillante perché non lo è. I due ragazzi sembrano non sopportarsi a vicenda anche se questo odio è solo temporaneo. 
Abbiamo poi un'amica della protagonista. L'amica si chiama Leslie ed è certamente più sveglia di  Gwendolyn. Per una volta l'amica del cuore non è all'oscuro del grande segreto. Leslie infatti conosce tutta la storia di  Gwendolyn della sua famiglia e dei viaggi nel tempo. Leslie da addirittura consigli a Gwendolyn. L'ho detto è molto più sveglia. 


Il libro è raccontato in prima persona dal punto di vista di  Gwendolyn, fatta eccezione per il prologo e l'epilogo che narra la storia in terza persona e i protagonisti sono Lucy e Paul. 
Kerstin Gier ha un modo di raccontare molto interessante. Non è mai pesante e nemmeno noiosa. Ora mi direte ma perché 3.5?
Allora il libro scorre molto bene dall'inizio alla fine. La prima cosa che penalizza il libro sono i soliti stereotipi anche se non siamo a livelli troppo alti. Il secondo: alcune espressioni che vengono ripetute più volte. Infine l'autrice fornisce molte informazioni che a volte stonano. Nel senso che non si è sicuri di come vadano veramente le cose. 
Nel complesso però il libro è interessante e vale la pena d leggerlo. 


La storia d'amore tra Gwendolyn e Gideon è stata solo accennata e leggendo la trama del secondo le cose si svilupperanno molto di più. Mi è piaciuto proprio questo. Non inserire subito la storia d'amore che avrebbe sicuramente soffocato la storia, in questo modo ha dato spazio alle altre cose. 
L'epilogo e il prologo come ho detto parlano di Lucy e Paul. Diciamo che non lo si capisce subito ma dopo aver letto una bella parte del romanzo.  Alla fine viene svelato un segreto riguardante Gwendolyn e spero la cosa venga approfondita maggiormente nel secondo capitolo. Personalmente non sono ancora sicura di chi abbia ragione riguardo il  cronografo. Penso comunque che i cari Guardiani stiano nascondendo molte cose. 
La storia dei dodici viaggiatori è moto affascinante e piena di segreti nascosti nel passato. 
Molte cose sono rimaste sospese e aumentano ancora la curiosità.


Un punto a favore va alle accurate ricerche dell'autrice. Madame Rossini è la sarta del circolo e crea i vestiti per i viaggiatori. Ci tiene anche a precisare, quando Gideon si lamenta di qualcosa che i  vestiti che crea non devono essere belli ma autentici. 
Il romanzo è ambientato a Londra e anche in questa caso l'autrice fornisce molti dettagli. Sia per quanto riguarda Londra contemporanea sia per Londa nei periodi passati. 


Voto




Consiglio il romanzo a quelli che amano le storie fantastiche e non si stancano dei YA. DI certo non è il libro perfetto ma coinvolge e cattura l'attenzione del lettore. 




Come scritto nel libro l'avventura continua con Blue che sarà nelle librerie tra qualche mese, precisamente a settembre del 2011. 
Blue riprende esattamente dove finisce Red. Gwen continua a viaggiare nel passato con Gideon. I due sono alla ricerca di Lucy e Paul che sembrano voler distruggere il grande segreto antico. Gewn intanto impara molte cose sulla storia e sul passato. Gideon dall'altra parte confessa che i suoi sentimenti per Gwen erano stati programmati sin dall'inizio per poterla controllare meglio. Gwen e convinta che Gideon non l'abbia mai amata ma sembra che le cose non siano proprio cosi. 



Edelstein Trilogie (Trilogia delle Gemme)
1. Rubinrot (rubino), 2009 (Red, 2011)
2. Saphirblau (zaffiro), 2010
3. Smaragdgrün (smeraldo), 2010

Autrice: Kerstin Gier è nata nel 1966 e vive con marito e figlio vicino a Bergisch Gladbach, in Westfalia. Alla sua attività di insegnante ha affiancato dal 1995 quella di scrittrice. I suoi romanzi, come Männer und andere Katastrophen, da cui è stato tratto un film, Für jede Lösung ein Problem e Die Mütter-Mafia sono rimasti per mesi in vetta alle classifiche tedesche dei libri più venduti, ma è con Red che Kerstin Gier ha raggiunto il successo mondiale. Un successo da 600.000 copie e diritti venduti in 15 Paesi.

Nessun commento:

Posta un commento