giovedì 26 maggio 2011

Recensione in anteprima: The sky is everywhere di Jandy Nelson

Oggi vi parlo di un romanzo edito dalla Fazi editore in uscita il 27 Maggio o 3 Giugno (non ci sto capendo più niente riguardo la data :D )
Il romanzo è l'opera esordiente dell'autrice americana Jendey Nelson. Questa volta niente vampiri, fate, lupi mannari, sirene o altro; solo una storia d'amore che, come dice Los Angeles Times, si divora tutta d'un fiato.
Un grazie speciale va alla casa editrice Fazi per la copia in anteprima....

“Un romanzo in cui gettarsi a capofitto, da divorare tutto d'un fiato”. Los Angeles Times



Titolo: The sky is everywhere di Jandy Nelson
Editore: Fazi (collana Lain)
Autore: Jandy Nelson
Prezzo: 15,00€
Pagine: 327



TramaLa diciassettenne Lennie Walker è un'amante dei libri e un membro della banda della scuola, suona il clarinetto e passa il suo tempo felicemente riparata all'ombra della volitiva sorella maggiore, Bailey. Ma quando Bailey muore improvvisamente Lennie è catapultata al centro del palcoscenico della sua vita e, a dispetto della sua praticamente inesistente esperienza con l'altro sesso, si trova a barcamenarsi tra le attenzioni di ben due ragazzi. Toby è l'ex fidanzato di Bailey, il suo dolore fa da eco a quello di Lennie. Joe si è da poco trasferito in città, dopo un'infanzia trascorsa a Parigi, e il suo magico sorriso sembra essere eguagliato solo dal suo straordinario talento musicale. Per Lennie i due sono come il sole e la luna: se uno di loro è capace di spazzar via il dolore, l'altro le offre conforto in esso. Ma, proprio come le loro controparti celesti, non possono trovarsi l'uno nell'orbita dell'altro senza che il mondo esploda. Celebrazione dell'amore e ritratto di una perdita, la lotta di Lennie per trovare la propria melodia all'interno del frastuono che la circonda suona sempre onesta, spesso buffa, e sicuramente indimenticabile.





C'erano una volta due sorelle che da piccole costruivano una tenda con le coperte e si infilavano sotto con la torcia e giocavano a carte.
Era una lotta all'ultimo sangue.
Si giocavano le faccende, turni di lavoro, soldi, dire fare baciare.
Giocavano per essere migliore, più intelligenti, più belle, più tutto, più e basta.
Ma era un trucco, giocavano per addormentarsi nello stesso letto senza doverlo chiedere, per dormire strette strette, e lasciare che i loro sogni si intrecciassero. [la frase nel libro non è esattamente così, l'ho modificata un po tagliando alcuni pezzi]


Ora però una di loro è viva, l'altra è morta improvvisamente all'età di diciannove anni. Lennie e Bailey erano inseparabili finché la morte non ha bussato alla porta di Bailey lasciano così solo il dolore alle persone che lei più amava.
Lennie vive con la nonna e lo zio Big. Soffre per la morte della sorella che amava più di qualsiasi altra cosa e non ha mai conosciuto sua madre che lasciò la casa quando Lennie era troppo piccola per ricordarla. Suona il clarinetto e ha un'amica di nome Sarah.

Sembra che nessuno sia in grado di capire il dolore che prova Lennie per la perdita della sorella e lei preferisce non parlarne, tenendo per se i suoi sentimenti e pensieri. Ma lei non è l'unica a soffrire. Lui è Toby ed era il ragazzo di Bailey. Toby si dimostra l'unico in grado di capire Lennie e anche se i due non hanno mai avuto un rapporto particolare, cominciano ad avvicinarsi uno all'altro in modo pericoloso.
Un bacio più far nascere molte cose ma anche distruggerne altrettanto tante. Un bacio in segno di consolazione, un bacio per quel amore verso la stessa persona, un bacio e qualsiasi certezza va a pezzi. Lennie non riesce a capire cosa le succede, la sua vita d'un tratto è diventata così confusa. Sente il bisogno di Toby accanto a se e allo stesso tempo si sente una grande traditrice nei confronti della sorella.
Ma a metterle dubbi non è solo Toby. A suola un nuovo ragazzo di nome Joe sembra interessato a lei. Joe e Toby sono come il sole e la luna. Toby soffre, come lei d'altronde, e comprende il dolore di Lennie; è capace di darle conforto e dimenticarle i brutti avvenimenti accaduti, anche se per pochi istanti. Joe invece è l'esatto opposto. È solare con un sorriso sempre stampato in faccia.
Nasce così un rapporto pericoloso con entrambi. Toby è qualcosa si proibito mentre Joe è disposto ad offrire a Lennie tutto il suo amore, ma non perdona il tradimento.


Una corsa contro il tempo, un bacio d'addio, un bacio d'amore, un bacio per conforto. Una storia per capire se stessi, i proprio sentimenti ed emozioni. Una riflessione su chi si era e su chi si è. Un modo per capire l'amore e il dolore, il piacere a la sofferenza. Un modo per capire che non si e soli al mondo..... (mi viene in mente la frase di One Tree Hill: sei miliardi di persone, sei miliardi di anime e a volte te ne serve una sola).
Tutto questo e di più è The Sky is everywhere.


Concordo pienamente con Los Angeles Times, questo romanzo si divora tutto d'un fiato. L'autrice ha creato una storia magnifica. Certi dialoghi mi hanno fatto ridere altri invece mi hanno commossa moltissimo, lo ammetto nella seconda parte del libro ad un certo punto ho pianto come una fontana.
Il modo di scrivere della Nelson è favoloso. Semplice e complesso quando serve ma soprattutto chiaro. Non si perde nei dettagli e nemmeno nelle descrizioni superflue. Capitolo dopo capitolo il libro diventa contagioso e non vedi l'ora di sapere come finisce.
La storia è costruita basandosi su vecchi cannoni. Un'inizio abbastanza confuso che va vero la felicità, poi tutto precipita con una rottura della storia per risolversi alla fine. Non è possibile trovare una parte noioso perché non esiste. I dialoghi sono costruiti molto bene e rendono molto bene l'idea della situazione e vanno dritto al punto. Lle riflessioni sono impeccabili. Anche se parliamo di riflessioni che potrebbero sembrare noiose non lo sono.

Ho adorato i personaggio dal primo all'ultimo. Lennie è una ragazza adorabile che in tutta sincerità a volte mi faceva impazzire ma è una caratteristica che la rende tanto speciale. È una ragazza semplice che affronta problemi come tanti altri adolescenti, in più deve subire il peso della perdita della sorella. Toby è un ragazzo confuso che sta male. Fa cose che non dovrebbe ma non lo si può di certo biasimare. Amava Bailey e stare con Lennie lo distrugge e rallegra allo stesso tempo. Quello che prova per Lennie non è l'amore ma il desiderio di avere Bailey indietro.
Joe è diverso. Lui non conosce Lennie con Bailey, lui conosce Lennie dopo la morte di Bailey. Questa nuova Lennie è diversa ma a lui piace e non vuole vederla soffrire. Joe sorride sempre ma non significa ma dietro quel sorriso magnifico si nascondono molte cose.
Altri personaggi come Sarah o la nonna sono anche loro ben costruiti e contribuiscono in maniera rilevante nella storia.

Mi è piaciuto coeme venivano presentati alcuni capitolo. A volte alla fine o all'inizio del capitolo troviamo delle frasi scritte da Lennie, hanno una loro inportanza alla fine :) e nel libro le troviamo come nella foto accanto (questa e in tedesco ma è cosi). Inoltre nella parentesi sotto c'è sempre riportato dove si trova il bigliettino o quello che è.

Per finire il voto che assegno al libro e un 5 su 5. Questo libro deve essere assolutamente letto. Non ricordo quale sia stato l'ultimo libro che mi ha regalato così tante emozioni come questo.
Quindi si, consiglio il libro a chiunque voglia leggere un romanzo pieno di emozioni e una storia mozzafiato....



L'autrice: Jandy Nelson si è laureata alla Cornell, ha un master in poesia e uno in scrittura per bambini e giovani adulti. Agente letteraria per molti anni, dopo un esordio come poetessa ora si è dedicata completamente alla fiction. The Sky is everywhere è il suo primo romanzo. Vive e lavora a San Francisco.

Nessun commento:

Posta un commento