martedì 11 gennaio 2011

Teaser Tuesdays #1

Eccomi oggi con il primo appuntamento con la rubrica Teaser Tuesdays. Ho deciso di adottare anche io questa rubrica che mi piace molto...
Ieri avrei voluto scrivere un post ma non ci sono riuscita, il rientro a scuola, compiti, educazione fisica di pomeriggio, studio ecc....
Per chi non conoscesse la rubrica ecco le regole:
  • Prendi il libro che stai leggendo
  • Aprilo a una pagina a caso
  • Condividi un breve spezzone di quella pagina("Teaser")
  • Fai attenzione a non scrivere spoilers!
  • Riporta anche il titolo e l'autore cosicché i tuoi lettori possano aggiungere il libro alla loro wishlist se sono rimasti colpiti dall'estratto. 


   La notte in cui Josie si era data appuntamento con Matt dietro casa, sotto la luna, lui aveva riso vedendola indosso quel pigiama con i disegni di Nency Drew. Che cosa stavi facendo quando ti ho mandato il messaggio? le aveva domandato.
   Dormivo. Perché hai voluto vedermi nel cuore della notte?
   Per essere sicuro che tu mi stessi sognando, era stata la sua risposta.

p 227, Diciannove minuti di Jodi Picoult (ed. TEA)

Ho deciso di riportare un altro pezzettino perche da quello che ho scritto prima sembra che il libro parli di una sdolcinata storia d’amore, e Diciannove minuti è tutto un altra cosa...

   «Peter» esordì. « Sono Jordan McAfee, e sono un avvocato. Sono stato scelto dai tuoi genitori per rappresentarti.»
(...)
   «Bene» disse Jordan, alzandosi in piedi. «Qualche domanda?»
Come si aspettava, non vi fu risposta. Diavolo, per impegno che Peter metteva in quella breve conversazione, Jordan si sentiva come se stesse chiacchierando con una delle vittime meno fortunate della sparatoria.
   Forse è così, pensò, la voce nella sua testa risuonò troppo maledettamente simile a quella di sua moglie.
   «Allora diamo d’accordo. Ci vediamo domani.» Busso alla porta, per chiamare la guardia giudiziaria che avrebbe ricondotto Peter nella sua cella, quando tutt’a un tratto il ragazzo parlò.
   «Quanti ne ho presi?»
   Jordan esitò, la mano sulla maniglia. Non si voltò verso il suo cliente. «Ci vediamo domani.» Ripeté.

pag. 137, Diciannove minuti di Jodi Picoult (ed. TEA)


Per ulteriori informazioni qui

1 commento:

  1. I musicisti raccolsero i loro strumenti; il primo violino guardò Camillo in ansiosa attesa. Il principe scosse la testa. No, aspettate, diceva il suo gesto. Fece cenno a Gian Andrea di avanzare.
    Tenendo Sophie come uno scudo, Gian Andrea si mosse verso il principe.
    << Cittadini di Torino>>, cominciò. La sua voce era chiara e impostata. Alcune persone smisero di parlare e si voltarono, curiose di vedere cosa stesse accadendo, ma la maggior parte sembro non accorgersi di lui. << Cittadini d'Italia! >> riprovò, più forte.
    Ormai Sophie era stata a moltissimi banchetti. Aveva sentito molti brindisi. E nessuno cominciava con la parola "cittadini": perlomeno, non dai tempi della sua infanzia, durante il Terrore. Cominciavano con << Vostra Eccellenza, Vostra Altezza Imperiale e illustrissimi ospiti >>. O con << Sua Santità, Sua Eminenza e illustrissimi ospiti >>
    Pag.180 -I segreti di una principessa-

    RispondiElimina